Al via le attività amministrative a Barcellona

0
593
- Pubblicità-

Il 5 giugno 2012 il sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto Maria Teresa Collica e l’Assessore all’Ambiente e territorio Roberto Iraci hanno incontrato a Messina il Capo della Protezione Civile provinciale Ing. Bruno Manfrè per affrontare le problematiche legate all’alluvione del 22 novembre scorso. 
In particolare si è discusso della situazione relativa agli sfollati e delle competenze e modalità di pagamento dei debiti contratti con le imprese impegnate nei lavori effettuati in fase di emergenza e con le strutture ricettive che hanno finora ospitato gli sfollati. 
È attesa a breve un’ordinanza del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile che riconoscerà lo stato di calamità naturale per l’area del Messinese colpita dagli eventi alluvionali. In tale ordinanza saranno stanziati i fondi necessari per saldare i debiti, sostenere economicamente i nuclei familiari in situazione di sgombero e finanziare le opere strutturali urgenti utili alla risoluzione delle maggiori criticità presenti tutt’oggi sul territorio. In seguito alla stessa Ordinanza verranno stabilite le modalità di erogazione dei fondi. Per quanto relativo ai debiti da onorare nei confronti delle ditte che sono state impegnate nei lavori di sgombero dal fango delle zone alluvionate e in altre opere urgenti, il Dipartimento Provinciale di Protezione Civile si occuperà di comprovare la regolarità degli iter di incarico delle ditte stesse da parte delle amministrazioni  locali e provvederà al pagamento con l’utilizzo dei fondi stanziati nella suddetta Ordinanza.
Di particolare rilevanza la questione legata agli sfollati. Le strutture ricettive dovranno essere lasciate quanto prima, le famiglie che non potranno far rientro nelle proprie abitazioni perché per esse sussiste ancora l’ordinanza di sgombero della Protezione Civile saranno aiutate economicamente con un sussidio per il pagamento dell’affitto. Ove esistano situazioni particolari di disagio, per esempio nuclei familiari con anziani a carico o disabili, è previsto un ulteriore contributo economico. L’Amministrazione Comunale si occuperà di sollecitare nuove verifiche dell’agibilità delle strutture per revocare l’ordinanza di sgombero nel caso in cui il pericolo fosse rientrato. Anche il pagamento delle strutture ricettive verrà coperto dai fondi stanziati dalla Protezione Civile.
Nella suddetta Ordinanza verrà reso noto come saranno utilizzati i fondi raccolti nei mesi successivi all’evento alluvionale tramite l’sms solidale.Si è discusso infine delle priorità degli interventi strutturali per il comune di Barcellona Pozzo di Gotto, l’amministrazione ha caldeggiato che le zone maggiormente colpite come Pozzo Perla, Femminamorta e Migliardo vengano poste in cima agli interventi prioritari. A tali opere urgenti seguiranno gli interventi sugli acquedotti, sulla rete fognaria e su quella stradale danneggiate dall’alluvione. 

- Pubblicità-

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui