Differenziata. A Palazzo Zanca NO, grazie

1
269
- Pubblicità-

Come ogni sera le addette alle pulizie di Palazzo Zanca, terminato il lavoro interno, si apprestano a buttare i sacchi della spazzatura.

Ma analizziamo più a fondo quello che potrebbe sembrare una naturale operazione.

Le donne delle pulizie escono con grossi sacchi trasparenti (e sin qui è la norma), tali da lasciare vedere il contenuto.

I bidoni svuotati nei corridoi e negli uffici contengono di tutto; dalle bottigliette in plastica alla carta, passando per organico e vetro: insomma INDIFFERENZIATA.

Ovviamente i sacchi andranno depositati nel cassonetto più vicino, un cassonetto blu, per l’indifferenziata.

Inoltre a quell’ora il cassonetto in oggetto è sempre stracolmo, va da se che i rifiuti in oggetto andranno depositati sul marciapiede

Insomma, da Palazzo Zanca la più retrograda delle cattivi abitudini messinesi: Non differenziare i rifiuti e conferirli fuori dai cassonetti. Ma tranquilli, entro non so quando raggiungeremo il 65% di differenziata

- Pubblicità-

1 commento

  1. Caro Dino ,
    come ben sai io e Mirko da anni facciamo le pulizie negli appalti pubblici ,considerati stronzi perchè abbiamo il coraggio di alzare la voce ,operai da far fuori il prima possibile perchè non ci spaventiamo a dire che le cose fanno ribrezzo.Non è solo il comune a NON DIFFERENZIARE LA SPAZZATURA ,fatti un giro per i vari enti e ti renderai conto che tra gli addetti c’è chi non saprebbe da dove cominciare,probabilmente fanno parte di quella schiera che si scandalizza sui social e poi fanno i loro comodi .La cosa peggiore che da addetta alle pulizie mi sono sentita dire è stato che nel caso in cui fosse diventato obbligatorio fare la differenziata al 100% avrei dovuto mettere le mani nella spazzatura e differenziarla io .Immagina la mia faccia!Già veniamo sottopagati ,con orari assurdi rispetto ai mq da pulire ,dovrei pure differenziare la spazzatura per lor signori?Farò un casino!!!!Purtroppo so già che ci saranno gli ignavi pronti a sporcarsi le mani per paura di perdere un posto di lavoro che nella migliore delle ipotesi frutta poche centinaia di euro al mese !!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui