European Day of Integrated Sport

0
416
- Pubblicità-

Presentata la Giornata Europea dello sport integrato, nella sala ovale del Comune di Messina, l’Assessore Sebastiano Pino, l’organizzatore Francesco Giorgio, vice presidente regionale del Centro Sportivo Educativo Nazionale (CSEN), il Dott. Antonino Ciraolo della Salute mentale ASP 5 e Alessandro Arcigli, allenatore della Nazionale Italiana Paralimpica di Tennistavolo, hanno evidenziato come  lo sport integrato costituisce l’elemento fondamentale di inclusione sociale delle persone con disabilità e favorisce un piano di educazione rivolto all’accoglienza e all’integrazione attraverso la pratica sportiva.

Finanziata dall’Unione Europea, l’European Day of Integrated Sport (EDIS), in programma sabato 23, a partire dalle 10, alla Cittadella Universitaria Annunziata di Messina è una manifestazione sportiva che vede l’integrazione di atleti normodotati e disabili careggiare insieme senza barriere architettoniche in quattro discipline sportive (football, karate, tennistavolo e nuoto). Gli ateli disabili che prenderanno parte alle gare saranno un’ottantina di cui 4 con una disabilità fisica e gli altri con una disabilità psichica, questo però non impedirà loro di careggiare ad armi pari con gli atleti normodotati essendo previsti dei test fisici attitudinali per la classificazione allo sport integrato. Gli atleti, provenienti da Bulgaria, Francia, Germania, Grecia, Lituania, Inghilterra, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Spagna e Turchia, saranno circa 500 dai 5 ai 14 anni, Tutte le gare si svolgeranno nella giornata di sabato 23 maggio ed inizierà con la presentazione delle bandiere Europee dei partecipanti a cui si unirà quella Africana essendo previsto anche la partecipazione di una delegazione di atleti africani formata da minori non accompagnati in carico alla Prefettura di Messina.

Organizzata in collaborazione con l’associazione “Mirko Piskeo”, l’evento sarà arricchito dalla presenza dell’associazione di volontariato “Donare è vita – Corrado Lazzara” con la sua attività di sensibilizzazione sul tema della donazione degli organi e dei corretti stili di vita.

Un dato importante emerge delle dichiarazioni dell’organizzatore Francesco Giorgio, il quale ha sottolineato come nonostante il respiro internazionale della manifestazione, che sarà visibile in tutto il mondo attraverso la diretta streaming visibile sul canale Youtube EDISMESSINA2015 E EDIS2015, nessun aiuto è venuto dalle istituzioni cittadine, Comune o Università, tanto che le strutture sportive per la manifestazione messe a disposizione dall’Università di Messina  presso la Cittadella Universitaria Annunziata hanno comportato un costo pagato con i fondi messi a disposizione della Comunità Economica Europea.

Pietro Giunta 

- Pubblicità-

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui