Messina, la città con la puzza sotto il naso

0
306
- Pubblicità-

Cosa succede se viene diffusa diffidenza e sfiducia in un gruppo di persone? Nessuno di loro tenderà più a fidarsi dell’altro e degli altri, penserà che qualunque altro soggetto voglia “fregarlo”, cosa succede se lo si fa con una città intera? Il risultato è Messina.

Si, proprio Messina, la città dello Stretto e porta della Sicilia soffre di un male enorme, la diffidenza verso se stessa e verso gli altri. Un male frutto dell’assenza di certezze, di tante scommesse perse e di tante delusioni messe in saccoccia, una città ed una cittadinanza che non ha più la minima fiducia verso se stessa e verso l’esterno, rintanandosi in una cieca e chiusa scatola di cartone.

Ciò è papabile in ogni atteggiamento, in ogni via, in angolo ed attimo, portare a Messina qualcosa di “nuovo” è quasi una bestemmia, quell’idea, quell’azione, quella pratica innovativa viene vista come un pericolo destabilizzante da parte dei Messinesi, che la disprezzano a priori, timorosi che possa peggiorare le cose, come lo hanno fatto la maggior parte delle variazioni e “cose nuove” approntante in città negli ultimi 40 anni

E’ una diffidenza sociale, è una diffidenza che è effetto e causa della moria cittadina cui sta cadendo la città, una diffidenza che si chiude alle soluzioni ed al rischio, una diffidenza che non accetta aiuto, una diffidenza che condanna i talenti e le professionalità, rendendo uno dei luoghi più belli e con il più alto potenziale economico al mondo data la sua conformazione, una palude da cui scappare.

E’ una diffidenza che condanna socialmente, che fa sentir pesante ogni passo, senza motivo alcuno, è la diffidenza di una città e di una cultura che sembra aver deciso di non aver futuro, è una diffidenza ingiusta, che ci rende responsabili di un crollo culturale che accompagna quello economico, una mentalità frutto dello stato terminale che viviamo ove, come un paziente ammalato, rifiutiamo anche le ultime cure e gli anticorpi che noi stessi abbiamo.

E quando tutto è bloccato, quando tutto è in una lagunosa palude, non resta che andar via verso isole più felici ove sia possibile valorizzarsi e realizzarsi all’interno di un contesto che dia quanto meno la possibilità di farlo, non è un fattore matematico ma Sociale, è un fattore di mentalità che viaggia attraverso le persone, da ogni Messinese dipende il presente ed il futuro non solo di un “lembo” di terra, ma di un intera cultura, città e storia, saranno i Messinesi a decidere se Messina possa essere un isola felice o una palude, la differenza sta nel rinunciare alle proprie cieche arroganti certezze ed aprirsi al nuovo con sincera convinzione che sia questa un occasione di accrescimento, o continuare a rintanarsi nelle proprie sicurezze e convinzioni di una società che vuole continuamente fregare e fregarsi.

I prossimi anni verranno decisi unicamente da questa scelta, da questo confine, e scegliere spetta a noi, non ad altri.

- Pubblicità-
Articolo precedentePerché il SUD è un deserto Politico
Articolo successivoEnrico Colajanni: si vuole azzerare l’antimafia sociale
Inizia il suo percorso da attivista all'età di 12 anni ed inizia contemporaneamente l'operato politico di rappresentanza all'interno delle aule scolastiche accompagnando la passione per il montaggio di Video e creazione di filmati. In ambito studentesco viene eletto nel 2016 VicePresidente della Consulta Provinciale degli Studenti di Messina, durante lo stesso mandato viene nominato all’interno del progetto del MIUR “Partecip@rte” all’interno del quale è lui a proporre e mettere in piedi il portale “Consulti@moci, durante il medesimo mandato inoltre è membro dell'organo di Garanzia del ITIS Verona-Trento. Scrive, assieme a Costanza Pizzo, la Proposta di Regolamento Regionale sulla Scuola-Lavoro presentata in Assessorato Regionale. Fonda nel Maggio 2017 "Fare Per Cambiare -Libera Associazione Giovanile-". Dal Novembre 2017 all'Aprile 2018 è stato Responsabile del Coordinamento di UIL Giovani Messina. Diplomato in Informatica e studente alla Facoltà di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali dell’Università di Messina, dal 26 Maggio 2018 è Coordinatore Amministrativo all'interno di una ONLUS della provincia di Messina Contattami a: amangano@ilcarrettinonews.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui