Ieri mattina siamo stati alla LELAT

0
332
- Pubblicità-

Ieri mattina siamo stati alla LELAT,  conosco poco il mondo dell’ associazionismo, mio figlio è andato dagli Scout ma il loro modo (del suo gruppo) era quello di portarli sempre e solo in chiesa…

Posteggio l’ auto fuori dal cancello ed all’ ingresso vedo due uomini che sistemavano le aiuole.

Entro e vedo una bellissima donna, pelle dorata e capelli d’ oro, si vede che ha vissuto, si vede che sa vivere.Inizia la conferenza ed ascolto con attenzione, prendo appunti, scrivo, mi preparo a dire qualcosa. Che poi ho detto.

Oggi ricordo solo ciò che non ho scritto  e sono queste sue parole :

“Ospitiamo spesso bambini di questo quartiere, non è un quartiere facile, siamo a Gazzi.

I bambini, i ragazzi,  vengono qui a giocare ed a volte ci distruggono il campetto..ma io li lascio tornare sempre, capiranno..col tempo.

Il loro gioco preferito è giocare con l’ acqua (anch’io lo facevo sempre con i miei fratelli), ma adesso è arrivata una bolletta di 5.000 euro…”

….

Eravamo lì perchè il Governo ha tagliato i fondi, li ha tagliati dell’ 80%.

Queste Associazioni non possono più andare avanti ed hanno inviato una lettera al Prefetto ed una al Sindaco. Per chiedere aiuto.

Si occupano degli ultimi. Gli ultimi di una ” Società”.

Tossicodipendenti, prostitute, excarcerati o persone agli arresti domiciliari.

Li aiutano a ritornare “umani” socialmente integrati.

Rendono un servizio. Un servizio prezioso, estremamente prezioso, RARO.

Una considerazione:

L’ ACQUA

scorre libera sul Pianeta, l’ uomo ha attivato, nei secoli, strutture e quant’altro che oggi vengono definiti : Servizi, per poter utilizzare questo bene comune nelle sue “sicure” abitazioni. Ma resta un BENE COMUNE…

Lo abbiamo riaffermato con forza e determinazione con il Referendum. E’ storia recente. E’ volontà di POPOLO.

Queste Associazioni si occupano di Servizi.

Servizi utili e preziosi..

Riabilitare e soprattutto far gioire dei ragazzi, ofrendogli accoglienza e gioco, ricordo che stiamo parlando di ragazzi che difficilmente potranno andare ad Etnaland (chissà quanto pagano di acqua ad Etnaland..) è un Servizio con la S maiuscola e come l’ Arte, a mio parere non paga. E non paga perchè ha un valore che non è quantificabile con il denaro. I valori sono cosa ben diversa dal denaro. Il denaro è solo un mezzo. I valori sono sostanza e fine, sono principi, sono tutto nell’ “essere umano”.

Pertanto, a mio parere, queste associazioni, quantomeno, non dovrebbero pagare ..servizi.

O volete pure il sangue?

attenti “uomini” attenti amministratori, attenti imprenditori a capo del governo. La Terra è già abbastanza offesa.

Attenti a toccare i più “deboli” perchè dimostrate di non aver capito nulla dell’ Amore, del nostro compito su questo Pianeta e vi domando:

Sicuri che siano loro gli “ultimi”?

Siete certi che siamo ancora “umani”?

 

- Pubblicità-

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui