In gita a Roma cantando l’inno fascista

0
358
- Pubblicità-

La canzone che la maestra ha fatto imparare ai bambini fa così: «Salve Dea Roma, fulgida in arme, all’ultimo orizzonte è la vittoria». Gli studenti della quinta C, sotto dettatura, ne hanno scritto il testo sul diario, pronti a cantarla durante la gita scolastica a Roma. Un viaggio che prevede, fra le altre attività, anche la visita guidata alle Fosse Ardeatine, con un gruppo di partigiani, e una cantata collettiva di fronte al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

La nonna di uno studente, prendendo in mano il diario del nipote, si è accorta che quella canzone la conosceva già. Il canto è l’Inno a Roma che era stata obbligata a imparare in classe durante il Ventennio e che aveva poi sentito urlare ai repubblichini di Salò. Secondo la definizione di un’antologia della musica del Duce, edita nel 1931, «il più bello e difficile dei canti fascisti, su musica del Puccini». La nonna ha parlato con la figlia, e lei con altre mamme. Così alla scuola Daniela Mauro di Pessano con Bornago, che fino al 2006 chiamavano “Balilla” e che molti ancora chiamano così, è scoppiata la bufera.

Dopo le proteste, il preside Felice Menna ha chiesto alle maestre di cancellare il testo dai diari dei ragazzini. «È stato un errore – dice – E’ assurdo pensare che le maestre abbiano dato da studiare l’inno a Roma di proposito». Il consiglio del dirigente è di fare imparare ai bambini una canzone allegra, come hanno fatto le insegnanti delle altre classi in partenza per Roma. «Magari un pezzo di Antonello Venditti – suggerisce – che alla Capitale ha dedicato belle parole».

Anni fa, quando guidava un liceo, Menna aveva vietato agli studenti di cantare Bella ciao durante una recita sulla Resistenza. Una decisione seguita alle polemiche di alcuni genitori, che la consideravano “canzone comunista”: «La politica non deve entrare a scuola», taglia corto il preside.

Fonte: repubblica.it

- Pubblicità-

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui