Gli Ex Zaera piangono fame.

0
155
Interno ex Zaera, Mercato Ittico
- Pubblicità-

E nessuno sembra accorgersene, questo il triste sottotitolo che ci sentiamo di voler affermare. I venditori dell’ex Mercato Zaera affrontano l’ennesimo, triste, capitolo; il trasferimento (temporaneo) nei locali dell’ex Mercato Ittico sembra non dare i frutti sperati ma, anzi, pare stia affossando i venditori.

Abbiamo voluto vedere la situazione da vicino, dando voce proprio a loro, dal più anziano al più giovane, che con fatica arrancano, senza guadagno alcuno, pur di portare qualche briciola a casa per figli e nipoti in maniera onesta, sforzandosi di dare vita ad una tradizione.

Una storia travagliata, quella del Mercato, che vede un nuovo spostamento dopo 24 anni di “sistemazione provvisoria” in quello che era lo Zaera, vicino la rotonda sotto l’ospedale Piemonte, lo spostamento all’Ex Mercato Ittico si rende necessario proprio per rinnovare lo Zaera, rinnovo che richiede un anno e mezzo di pazienza, ma a giudicare dalla situazione da noi tastata e dalle parole degli Operatori, questa attesa se rispettata (bene che vada, visti i precedenti! ndr) risulterà letale!

Tra desolazione, disperazione e storie c’è anche il barlume per qualche soluzione elaborata direttamente da chi opera e vive quel settore ogni giorno.

Qui la video intervista:

- Pubblicità-
Articolo precedenteBordelli al silicone sono realtà
Articolo successivoGuida per aspiranti cooperanti
Inizia il suo percorso da attivista all'età di 12 anni ed inizia contemporaneamente l'operato politico di rappresentanza all'interno delle aule scolastiche accompagnando la passione per il montaggio di Video e creazione di filmati. In ambito studentesco viene eletto nel 2016 VicePresidente della Consulta Provinciale degli Studenti di Messina, durante lo stesso mandato viene nominato all’interno del progetto del MIUR “Partecip@rte” all’interno del quale è lui a proporre e mettere in piedi il portale “Consulti@moci, durante il medesimo mandato inoltre è membro dell'organo di Garanzia del ITIS Verona-Trento. Scrive, assieme a Costanza Pizzo, la Proposta di Regolamento Regionale sulla Scuola-Lavoro presentata in Assessorato Regionale. Fonda nel Maggio 2017 "Fare Per Cambiare -Libera Associazione Giovanile-". Dal Novembre 2017 all'Aprile 2018 è stato Responsabile del Coordinamento di UIL Giovani Messina. Diplomato in Informatica e studente alla Facoltà di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali dell’Università di Messina, dal 26 Maggio 2018 è Coordinatore Amministrativo all'interno di una ONLUS della provincia di Messina Contattami a: amangano@ilcarrettinonews.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui