Lampedusa – Aggressioni e minacce alla famiglia Borsellino

0
398
- Pubblicità-

“Ci attaccano perché sanno chi siamo e che non possono incorrere in faide famigliari perche non è nella nostra logica di vita, visto il grande esempio che abbiamo avuto. E hanno ragione! Dovrebbe pensarci chi di dovere a difenderci…”.

Così parla ai nostri microfoni Paola La Rosa moglie di Carmelo Gatani nipote di Borsellino, a oggi gestori  di un B&B di 5 camere a Cala Pisana a Lampedusa

 “Una fascia limitata ma non meno pericolosa vede in noi forestieri degli obiettivi facili su cui scaricare rabbia e frustrazioni”.

Così Paola cerca di giustificare l’accaduto: “ Ve ne dovete andare da quest’isola, voi forestieri avete rovinato Lampedusa, dovete morire tutti! Noi a casa nostra facciamo quello che vogliamo!”.
Questo è quello che si sono sentiti gridare lei e il marito dopo essersi avvicinati a un gruppo di ragazzi sulla spiaggia vicino casa, non per chiedergli di andarsene ma solo di abbassare la voce.

L’aggressione verbale avvenuta tra il 13 e 14 agosto è stata preceduta nel 2004 da un incendio doloso che ha distrutto parzialmente casa di Paola.

Eppure Lampedusa accoglie migliaia di persone ogni anno. Cosa n’è rimasto delle immagini dei volontari, soprattutto del posto, che qualche mese fa, mesi che non scorderemo per le immagini e le storie che ci hanno lasciato, rispondevano con un sorriso alla paura generalizzata di ‘un’invasione’?

Paola La Rosa è attivista di Legambiente e anche tra i Fondatori del Comitato 3 ottobre.

Lei è sicura che l’ostinazione di questo gruppo, per fortuna circoscritto, non abbia a che fare con la sua presenza sul fronte migrazione e i rapporti con i migranti?

“Sono certa! È facile colpire chi qui non ha affetti o famiglia. La loro azione non avrebbe avuto una reazione e loro lo sapevano. La manifestazione che, l’altra parte dei lampedusani, hanno fatto per noi stava proprio a indicare a questa altra fascia/categoria… guardate che non sono soli”.

Chi è il lampedusano medio?

“Non esiste il lampedusano medio, come non esiste l’italiano medio. Esistono dei lampedusani ignoranti e frustrati. Un ambiente così piccolo li costringe a sfogarsi con una categoria a parte, con chi non è loro compaesano. Il problema è anche che chi dovrebbe lenire, curare e non lo fa!”.

Perché Lampedusa?

“Ho passato tutte le estati della mia infanzia in quest’isola, inoltre, possiedo una casa qui.
Io non voglio generalizzare! Se la maggioranza della gente fosse così, io non sarei venuta a vivere a Lampedusa, non lo avrei scelto… perché io l’ho scelto! Ho scelto di lasciare Palermo e raggiungere questa meravigliosa isola che ci ospita da ben 12 anni”. 

- Pubblicità-
Articolo precedenteLa droga dello stupro esiste
Articolo successivoLa discarica del vicino di casa.
Vivo in un posto meraviglioso, le Isole Eolie. C’è una cosa che non ho mai trovato uguale da nessun altra parte, il nostro sole ed il mare. Da noi, se non ce l’hai di fronte, ti basterà girarti per scorgerne un pezzettino. Ho conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione Sociale e sono sempre stata affascinata dall'oratoria latina, ovvero, l'arte del parlare in pubblico con un discorso eloquente. Ed ecco la mia tesi, "L'elocuzione per Aristotele". Essa, è strettamente legata alla retorica, l'arte del dire e di saper comporre versi per un testo. Ars dicendi per la Roma antica. Impegnata nel mondo del no-profit, sono particolarmente sensibile a temi di interesse sociale. Amo il teatro ed il cinema ma ho una sola grande passione, la scrittura.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui