Le ragazze madri e i loro diritti

30
1130
- Pubblicità-

[…] O vergini, o demòni, mostri, martiri,
grandi spiriti spregiatori della realtà,
assetate d’infinito, devote o baccanti,
piene ora di gridi ora di pianti,

o voi, che la mia anima ha inseguito nel vostro inferno,
sorelle, tanto più vi amo quanto più vi compiango
per i vostri cupi dolori, per le vostre seti mai saziate,
per le urne d’amore di cui traboccano i vostri cuori.

Queste le parole che Baudelaire utilizza nella poesia “Le donne dannate” per descrivere il loro animo. La donna, musa di poesie e romanzi, nasconde dentro sé la forza e il coraggio che probabilmente l’uomo non ha mai avuto. Battaglie per la difesa dei propri diritti, battaglie per la difesa dei propri bambini, battaglie per la difesa delle proprie qualità e capacità: da sempre le donne hanno dovuto conquistare il proprio posto all’interno della famiglia e della società. Le difficoltà da loro affrontate, infatti, comprendevano, e tutt’ora comprendono, lo stesso nucleo familiare; padri, fratelli, mariti sono causa di violenze, maltrattamenti e abbandoni.

Ma una donna difficilmente si ferma davanti alle difficoltà: nel 1600 le ragazze abbandonate dal marito e costrette a crescere da sole i propri figli erano viste sotto una cattiva luce, il 90% di loro veniva giudicato negativamente dalla società nella quale viveva, senza che nessuno si preoccupasse di dare loro un aiuto o un sostegno. Diverse sono state le lotte affrontate per cercare di ottenere dei diritti che dessero la possibilità, anche a quelle donne abbandonate dai mariti o compagni e costrette a crescere i propri figli, di vivere dignitosamente.

In Italia le prime leggi mirate a tutelare i diritti delle donne in difficoltà sono state emanate durante il periodo fascista. Mussolini, infatti, comprese che per ottenere il consenso del popolo doveva conquistare anche il cuore delle donne. Il primo passo compiuto è stata l’istituzione dell’ONMI, Opera Nazionale Maternità e Infanzia: organo deputato all’assistenza di madri e bambini, che offriva loro aiuti di tipo economico, alimentare, ma anche a livello medico e scolastico. Si occupava di controllare tutte le istituzioni che aiutavano e sostenevano le donne in difficoltà; aveva, inoltre, la possibilità di creare istituzioni con obiettivi affini e casse di maternità.
Il gentil sesso aveva così, per la prima volta in Italia, compiuto dei piccoli passi per il raggiungimento di una giusta tutela da parte dello Stato: le madri lavoratrici potevano chiedere un periodo di sospensione dal lavoro prima e dopo il parto, conservando sempre il posto di lavoro, venivano assicurate per la maternità dall’Istituto Nazionale Fascista di Previdenza Sociale che versava loro una cifra di 300 lire. I cambiamenti apportati da Mussolini in favore delle donne non furono solo importanti come raggiungimento di nuovi diritti, ma soprattutto sono da considerarsi come il primo passo per un cammino verso la tutela delle madri lavoratrici e dei loro bambini.

Dal ventennio fascista ad oggi la situazione delle ragazze madri è migliorata, sono state emanate numerose leggi per garantire loro condizioni di vita migliori, ma ancora si è lontani dalla tutela completa dei loro diritti.

Gravidanze non desiderate, abbandono da parte del compagno, precarie condizioni economiche della madre, questi e molti altri i motivi per i quali le donne si sentono ancora oggi trascurate dallo Stato italiano.
Fino al 1994 non esisteva nessuna legge che permetteva alle madri di mantenere l’anonimato in caso di mancato riconoscimento del bambino, per questo molte di loro preferivano abbandonare i propri figli per strada, commettendo quello che, probabilmente, è il reato più atroce esistente: l’uccisione, anche se indiretta, del proprio figlio.
La Corte Costituzionale il 5 Maggio del 1994 ha stabilito che “qualunque donna partoriente, ancorché da elementi informali risulta trattarsi di coniugata, può dichiarare di non volere essere nominata nell’atto di nascita.”
L’anonimato deve essere inoltre garantito da tutti i servizi sanitari e sociali coinvolti, se la madre non riconosce il proprio figlio, nell’atto di nascita deve essere scritto “Figlio di donna che non consente di essere nominata”. Esiste per i genitori del bambino un’ulteriore possibilità: prendere del tempo per riflettere sul riconoscimenti o la rinuncia del bambino.
L’art. 11 della legge 4 maggio 1983 n. 184 sull’adozione dichiara che : «Nel caso in cui non risulti l’esistenza di genitori naturali che abbiano riconosciuto il minore o la cui paternità o mater­nità sia stata dichiarata giudizialmente, il tribu­nale per i minorenni, senza eseguire ulteriori ac­certamenti, provvede immediatamente alla di­chiarazione dello stato di adottabilità a meno che non vi sia richiesta di sospensione della procedura da parte di chi, affermando di essere uno dei genitori naturali, chiede termine per provvedere al riconoscimento. La sospensione può essere disposta dal tribunale per un perio­do massimo di due mesi».

Nell’ottobre del 2008 è stato presentato dalla Fondazione Francesca Rava e da KPMG Italia il progetto “ninna ho”, che mira, anche questo come le leggi sopracitate, a bloccare il fenomeno dell’abbandono dei neonati. Patrocinato dalla Società italiana di Neonatologia, il progetto prevede l’installazione di culle termiche in cui le madri, che non possono o non vogliono partorire in ospedale, sono libere di lasciare il proprio bambino in una situazione di completa sicurezza senza alcun rischio per il loro anonimato.

La situazione italiana, purtroppo, resta ugualmente grave: l’informazione non è stata ancora in grado di raggiungere tutto il paese e gli aiuti offerti dallo Stato non sono sufficienti. Ciò che le madri richiedono è, anche e soprattutto, un aiuto a livello economico per quelle donne che non vogliono abbandonare i proprio figli, ma che economicamente, socialmente e psicologicamente non posso fare altrimenti.
Nel resto dell’Europa le donne vengono aiutate notevolmente dal governo: in Francia, viene concesso loro un contributo fisso di circa 162 euro al mese, se invece la situazione della madre è difficoltosa lo Stato concede 700 euro; in Olanda le donne ricevono contributi mensili che vanno dagli 800 ai 1000 euro, e vengono aiutate anche per le spese scolastiche e mediche; in Inghilterra lo Stato concede una casa e il pagamento delle spese scolastiche, del vestiario e tutti i beni di prima necessità. In Italia ogni donna ha diritto ad un assegno di 1440 euro da richiedere non oltre i sei mesi dalla nascita del bambino; alle ragazze madri viene offerto un ulteriore aiuto che varia da comune a comune, il cui tetto massimo è di 300 euro. Come può una madre sola e con un figlio da crescere riuscire ad andare avanti con un contributo così basso? Molte di loro si vedono, così, costrette a prendere la dura decisione di abbandonare il proprio figlio o darlo in adozione; questo comporta nella maggior parte dei casi a gravi traumi, difficili da superare, specialmente se lasciate completamente sole.

http://www.facebook.com/pages/I-diritti-delle-donne/121143007968211

- Pubblicità-

30 Commenti

  1. infatti è un aiuto che fa proprio pena… io sono una ragazza di 25 anni, INCINTA, purtroppo e perfortuna lavoro in nero,maglio di niente e vivo da sola…. il mio compagno non ne vuole sapere del bambino addirittura vorrebbe abortissi e forse cosi sarà….. sai perchè quando proprio non hai nessuno che possa aiutarti, genitori,fratelli,sorelle,zii etcc come fai a far nascere un figlio? dopo che ti danno 1500 euro che se con un bambino piccolo se ne vanno come niente e 300 euro al mese che ci fai? dove vai a vivere? sotto un ponte? è una vergogna… con la morte del cuore dovrò intraprendere una scelta drastica….. ma altrimenti come farei??? non sarei in grado di metterlo al mondo e darlo in adozione….

  2. infatti è un aiuto che fa proprio pena… io sono una ragazza di 25 anni, INCINTA, purtroppo e perfortuna lavoro in nero,maglio di niente e vivo da sola…. il mio compagno non ne vuole sapere del bambino addirittura vorrebbe abortissi e forse cosi sarà….. sai perchè quando proprio non hai nessuno che possa aiutarti, genitori,fratelli,sorelle,zii etcc come fai a far nascere un figlio? dopo che ti danno 1500 euro che se con un bambino piccolo se ne vanno come niente e 300 euro al mese che ci fai? dove vai a vivere? sotto un ponte? è una vergogna… con la morte del cuore dovrò intraprendere una scelta drastica….. ma altrimenti come farei??? non sarei in grado di metterlo al mondo e darlo in adozione….

  3. carissima, mi chiamo Sonia, mi dispiace per la tua situazione, spero tu abbia deciso di tenere il piccolo. Anche io, come te, sto vivendo una situazione simile alla tua: mia sorella, studente, ha appena partorito suo figlio, è senza di lui che non ne ha voluto sapere di figlio, però ci sono io, mio fratello e i miei genitori che la stiamo aiutando. In bocca a lupo per te. ciao.

  4. carissima, mi chiamo Sonia, mi dispiace per la tua situazione, spero tu abbia deciso di tenere il piccolo. Anche io, come te, sto vivendo una situazione simile alla tua: mia sorella, studente, ha appena partorito suo figlio, è senza di lui che non ne ha voluto sapere di figlio, però ci sono io, mio fratello e i miei genitori che la stiamo aiutando. In bocca a lupo per te. ciao.

  5. Una mia carissima amica è appena rimasta in cinta e il suo ragazzo le ha chiesto di abortire perchè se dovesse decidere di tenerlo lui le ha già detto che la lascerà, lei invece vuole far nascere il bimbo ma ha difficoltà economiche e non sa come fare.
    C’è una possibilità che possa tenerlo e che venga aiutata da qualche struttura a garantire un futuro al suo bambino assieme a lei?

  6. Una mia carissima amica è appena rimasta in cinta e il suo ragazzo le ha chiesto di abortire perchè se dovesse decidere di tenerlo lui le ha già detto che la lascerà, lei invece vuole far nascere il bimbo ma ha difficoltà economiche e non sa come fare.
    C’è una possibilità che possa tenerlo e che venga aiutata da qualche struttura a garantire un futuro al suo bambino assieme a lei?

  7. vivo la stessa situazione ilio compagno mi ha lasciata dicendomi ke nn mi ama piu e ke della bimba nn gli e ne frega nulla sn incinta di 6 mesi e tra 3 nascera’ matilde nn ho casa ma vi dico una cosa pur di rendee il futuro meraviglioso a mia figlia mi faro’ in 4 x darle un vvenire la speranza e l’ultima morire fate rikiesta nessuno vilascia sole

  8. vivo la stessa situazione ilio compagno mi ha lasciata dicendomi ke nn mi ama piu e ke della bimba nn gli e ne frega nulla sn incinta di 6 mesi e tra 3 nascera’ matilde nn ho casa ma vi dico una cosa pur di rendee il futuro meraviglioso a mia figlia mi faro’ in 4 x darle un vvenire la speranza e l’ultima morire fate rikiesta nessuno vilascia sole

  9. in italia i politici sono bravi a percepire dai 15 ai 30 mila euro mensili ma non esiste dare una mano a chi come me si trova in gravi siutuazioni economiche con un figlio a carico piena di sogni e capacita’ ormai senza lavoro da piu’di un anno parlo 3 lingue diplomata e ottima cuoca ma appena dici di avere un figlio fanno una brutta faccia e ti dicono di no questa e’ la nostra bella italia

  10. in italia i politici sono bravi a percepire dai 15 ai 30 mila euro mensili ma non esiste dare una mano a chi come me si trova in gravi siutuazioni economiche con un figlio a carico piena di sogni e capacita’ ormai senza lavoro da piu’di un anno parlo 3 lingue diplomata e ottima cuoca ma appena dici di avere un figlio fanno una brutta faccia e ti dicono di no questa e’ la nostra bella italia

  11. ciao ho avuto un bambino meraviglioso da quasi tre mesi ,e sono completamente sola, a volte penso se riusciro’ a dargli tutto cio’ che merita…mi sento persa…. ho un lavoro ma 1000 dubbi che mi tormentano anche se mi basta guardare il mio piccolo angioletto per sentirmi la persona piu’ fortunata del mondo ….xche e’ tutto cosi’ difficile?….vorreisolo una piccola casa per noi due ….e pensare che c’e’ cosi’ tanta gente piena di soldi….cmq buona fortuna a tutte!

  12. ciao ho avuto un bambino meraviglioso da quasi tre mesi ,e sono completamente sola, a volte penso se riusciro’ a dargli tutto cio’ che merita…mi sento persa…. ho un lavoro ma 1000 dubbi che mi tormentano anche se mi basta guardare il mio piccolo angioletto per sentirmi la persona piu’ fortunata del mondo ….xche e’ tutto cosi’ difficile?….vorreisolo una piccola casa per noi due ….e pensare che c’e’ cosi’ tanta gente piena di soldi….cmq buona fortuna a tutte!

  13. ciao mmi cheamo alessandra e ho la stesa sitoazione come te sono anche io una ragazza madre ho 19 anni sono stata insieme a un ragazzo tempo di 4 anni convivevo con lui nella stesa casa dopo questi 4 anni io sono rimasta incinta tuuti due eravamo contenti ma dopo il parto de mio figlio si e cambiato tutto lui ha trovata un altra a me mi ha lasciata con mio figlio che aveva solo una settimana e da quel ora io sono sola con mio figlio nn celo a nessuno vicino a me pero nn mi sono lasciato a mio figlio vado a lavoro con lui aora mio figlio a settembre fa 2 anni pero grazie a dio nn mi poso lamentare me lo cresco da solo senza aiuto di nessuno e sono gia 2 anni che io mi sbato la testa di tutti muri perche sono senza lavoro e nn ho come matenere a mio figlio pero io ti vogliuo dire nn lasciare a tuo figlio nn lo dare in adozione devi esere forte lo devi cresciere come poi NN LASCIARE A TUO FIGLIO.

  14. ciao mmi cheamo alessandra e ho la stesa sitoazione come te sono anche io una ragazza madre ho 19 anni sono stata insieme a un ragazzo tempo di 4 anni convivevo con lui nella stesa casa dopo questi 4 anni io sono rimasta incinta tuuti due eravamo contenti ma dopo il parto de mio figlio si e cambiato tutto lui ha trovata un altra a me mi ha lasciata con mio figlio che aveva solo una settimana e da quel ora io sono sola con mio figlio nn celo a nessuno vicino a me pero nn mi sono lasciato a mio figlio vado a lavoro con lui aora mio figlio a settembre fa 2 anni pero grazie a dio nn mi poso lamentare me lo cresco da solo senza aiuto di nessuno e sono gia 2 anni che io mi sbato la testa di tutti muri perche sono senza lavoro e nn ho come matenere a mio figlio pero io ti vogliuo dire nn lasciare a tuo figlio nn lo dare in adozione devi esere forte lo devi cresciere come poi NN LASCIARE A TUO FIGLIO.

  15. ciao, ho 1 amica ke tra 1 mese sarà anke lei ragazza madre, vorrei sapere se ha diritto all’assegno del primo figlio, lavora da 4 anni ed ha 1 reddito annuo pari a € 11.000. vi prego fatemi sapere vorrei poterla aiutare…

  16. ciao, ho 1 amica ke tra 1 mese sarà anke lei ragazza madre, vorrei sapere se ha diritto all’assegno del primo figlio, lavora da 4 anni ed ha 1 reddito annuo pari a € 11.000. vi prego fatemi sapere vorrei poterla aiutare…

  17. ciao a tutte!!!!!!!!!!!ho24 ani e devo partorire il 23 maggio e il mio ragazzo mi ha lasciata quando erò nell seccondo messe di gravidanza.sono rumena e vivo da sola qua in italia.x fortuna ho un lavoro anche se nn mi bastano i soldi che li prendo che sono in masternita però cerco di andare avanti.io spero che qualcuno ci aiuti verramente tutte noi. vi auguro a tutte in bocca al lupo e tanta forzza x andare avanti.facciamo vedere ai mascchi che siamo forti..un baccio a tutte

  18. ciao a tutte!!!!!!!!!!!ho24 ani e devo partorire il 23 maggio e il mio ragazzo mi ha lasciata quando erò nell seccondo messe di gravidanza.sono rumena e vivo da sola qua in italia.x fortuna ho un lavoro anche se nn mi bastano i soldi che li prendo che sono in masternita però cerco di andare avanti.io spero che qualcuno ci aiuti verramente tutte noi. vi auguro a tutte in bocca al lupo e tanta forzza x andare avanti.facciamo vedere ai mascchi che siamo forti..un baccio a tutte

  19. Ciao a tutte,anche io sono una ragazza madre,ho 22 anni e ho avuto mia figlia a 16.adesso ha 6 anni e l’ho cresciuta senza l’aiuto di nessuno,non e’stato facile ma insieme abiamo superato sempre tutto

  20. Ciao a tutte,anche io sono una ragazza madre,ho 22 anni e ho avuto mia figlia a 16.adesso ha 6 anni e l’ho cresciuta senza l’aiuto di nessuno,non e’stato facile ma insieme abiamo superato sempre tutto

  21. Ragazze, ho visto che questo articolo ha aiutato molte di voi e ho deciso di fare un piccolo passo in più, per quello che è nelle mie possibilità. Ho creato una pagina facebook in cui metterò tutti gli articoli che scrivo in merito ai diritti delle donne; sarà anche uno spazio in cui ognuna di voi potrà raccontare la vostra esperienza e aiutare le altre. Un abbraccio!

  22. Ragazze, ho visto che questo articolo ha aiutato molte di voi e ho deciso di fare un piccolo passo in più, per quello che è nelle mie possibilità. Ho creato una pagina facebook in cui metterò tutti gli articoli che scrivo in merito ai diritti delle donne; sarà anche uno spazio in cui ognuna di voi potrà raccontare la vostra esperienza e aiutare le altre. Un abbraccio!

  23. ciao a tutte mi chiamo rosy ho avuto due figli uno di nove anni e uno che ne compie 3 in agosto. giorno 21 sara il mio 30 esimo compleanno. sono sola , i miei due compagni entram mi hanno abband , anzi li hanno abband. fortun lavoro e ho sempre avuto accanto i miei genit senno non avrei potuto lav. non gli ho mai fatto mancare nulla e sono sempre con me quando sono libera . io non ho piu una vita mia forse non c e l ho mai avuta la libertà, pero cerco di dargli amore doppio perche quando saranno grandi sapranno che io non li ho mai abbandonati… l unico sogno non e un padre per loro , ma vederli sempre sorrid specie il grande che l ha con e soffre.. e un mio sogno e quello di una casa mia per essere completi e per far respirare un po i miei.. a tutte le amiche non abband i figli tenetevi uniti nell amore…non abbiamo bisogno per forza di un uomo .baci rosy da messina..ciao

  24. ciao a tutte mi chiamo rosy ho avuto due figli uno di nove anni e uno che ne compie 3 in agosto. giorno 21 sara il mio 30 esimo compleanno. sono sola , i miei due compagni entram mi hanno abband , anzi li hanno abband. fortun lavoro e ho sempre avuto accanto i miei genit senno non avrei potuto lav. non gli ho mai fatto mancare nulla e sono sempre con me quando sono libera . io non ho piu una vita mia forse non c e l ho mai avuta la libertà, pero cerco di dargli amore doppio perche quando saranno grandi sapranno che io non li ho mai abbandonati… l unico sogno non e un padre per loro , ma vederli sempre sorrid specie il grande che l ha con e soffre.. e un mio sogno e quello di una casa mia per essere completi e per far respirare un po i miei.. a tutte le amiche non abband i figli tenetevi uniti nell amore…non abbiamo bisogno per forza di un uomo .baci rosy da messina..ciao

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui