Lista neonazista pubblicata sul web

0
417
- Pubblicità-

STORMFRONT ITALIA, LISTA NEONAZISTA PUBBLICATA SUL WEB CONTRO POLITICI, MAGISTRATI E ATTIVISTI. EVERYONE SCRIVE A RAPPRESENTANZE USA IN ITALIA: “INTERVENGA DIPARTIMENTO DI STATO PER CHIUDERE IL PORTALE”

Roma, 20 dicembre 2011. Una lista nera (definita “lista dei delinquenti italiani”) con nomi noti della politica locale, della magistratura e della società civile è stata pubblicata in questi giorni sulle pagine italiane del forum neonazista di Stormfront (al link http://www.stormfront.org/forum/t837384-2/), fondato dall’americano Don Black, già leader del Ku Klux Klan. Nella lista figura anche il nome di Roberto Malini e l’organizzazione EveryOne, che Malini rappresenta assieme a Matteo Pegoraro e a Dario Picciau. “Visto che ci dicono che siamo razzisti,” scrive il membro di Stormfront ‘Costantino’, “noi dimostriamo che odiamo di più certi italiani che gli allogeni.

“Da anni Stormfront Italia diffonde ideologie antisemite, di natura razziale e di stampo neonazista, che contrastano con le convenzioni internazionali sui diritti umani e con la legge Mancino, oltre che con la nostra Costituzione. L’Italia è uno dei pochi Paesi europei a non avere ancora bandito il forum neonazista, come è invece accaduto in Germania e Francia; questo poiché il portale si appoggia su un server americano con sede a West Palm Beach, in Florida, e ogni operazione di natura giudiziaria, se avanzata dalle sole autorità italiane, diviene estremamente complessa, se non impossibile” spiegano gli attivisti di EveryOne. “Le nostre Procure non sono state in grado di identificare e perseguire gli utenti neonazisti di Stormfront Italia nemmeno quando a gennaio di quest’anno è stata diffusa la ‘lista degli ebrei italiani’, definiti vere e proprie ‘facce da cancellare’. Cogliamo l’occasione dei sanguinosi fatti di Firenze e della volontà della Procura della Repubblica del capoluogo toscano di indagare per apologia di reato gli utenti del web che hanno diffuso, in concomitanza con l’omicidio dei due ragazzi senegalesi, contenuti di istigazione alla violenza e all’odio razziale (ampiamente apparsi su Stormfront Italia), per invitare la rappresentanza USA in Italia a farsi portavoce presso il Governo degli Stati Uniti della necessità urgente di dichiarare fuorilegge il portale www.stormfront.org e il movimento a esso connesso in quanto contrari ai valori di civiltà, democrazia e libertà sanciti, tra tutte, dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani”.

Il Gruppo EveryOne ha inviato un messaggio urgente al console USA a Firenze Sarah Morrison e all’Ambasciatore USA a Roma David Thorne in cui si chiede di agire affinché il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d’America si impegni, di concerto con l’UNAR e i Ministri dell’Interno, della Giustizia e degli Esteri italiani, per l’immediata chiusura del portale neonazista Stormfront e per l’individuazione di tutti gli utenti passibili di denuncia per reati contro la persona e contro la comunità. “E’ importante un’azione incrociata,” spiegano Malini, Pegoraro e Picciau, “mai impiegata in precedenza, atta a stroncare definitivamente rigurgiti di negazionismo, xenofobia, omofobia e nazifascismo che dovrebbero essere totalmente estranei alle culture di Paesi che si definiscono civili, e che invece sembrano essersi radicati grazie all’azione sconsiderata di veri delinquenti, che sognano una società di odio e persecuzione del diverso”.

Di seguito, tutti i nomi, aggiornati a oggi, della “lista nera” di Stormfront Italia:

don Ezio Segat

Stella Targetti, Vicepresidente della Regione Toscana

Domenico Galletta, giudice

Carlo Fontanazza, giudice

Avv. Salvatore Staiano

Emiliano Riba, avvocato dell’imam di Torino Khounati

Ilda Curti, assessore del Comune di Torino

don Fredo Olivero

Adriana Luciano, sociologa

Roberta Ricucci, sociologa

 

monsignor Cesare Nosiglia

 

Roberto Malini, co-presidente del Gruppo EveryOne

 

Gad Lerner, giornalista

 

Maurizio Costanzo, giornalista

Riccardo Pacifici, Presidente Comunità Ebraica di Roma

Adel Smith, Presidente dell’Unione Musulmani d’Italia

Avv. Giorgio Bisagna

I 3 giudici del Tribunale del Riesame di Palermo: Antonella Consiglio, Giuseppina Di Maida, Filippo Serio

Luca Gibillini, consigliere SEL del Comune di Milano

Mirko Mazzali, consigliere SEL del Comune di Milano

Anita Sonego, consigliera SEL del Comune di Milano

Flavio Zanonato, sindaco del Comune di Padova

Laura Longo, PM di Torino

 

EveryOne Group

+39 393 4010237 :: +39 3313585406 :: +39 334 3449180
www.everyonegroup.com :: info@everyonegroup.com

- Pubblicità-

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui