Massimo Piparo da Troisi a Gesu’

0
742
- Pubblicità-

Non si ferma alla premiazione del premio Troisi l’estate Siciliana di Massimo Piparo, il famoso regista dello spettacolo Jesus Christ Superstar, che per l’occasione dei primi vent’anni è risuscito ad ingaggiare Ted Neeley, l’originale ed inimitabile Gesù dell’originario musical del 1973. Paride Acacia, il famoso Gesù nostrano, per questa volta ha accettato di fare Hanna. L’evento, organizzato da Raffaele Manfredi è fissato per 13 e 14 settembre presso la Fiera di Messina. Reduce dai successi ottenuti a Roma con tre mesi di repliche, la nuova edizione dello spettacolo, sempre fedele al testo e alla musica, si caratterizza per un nuovo “giuda” di 22 anni che il regista ha scelto dopo una lunga selezione. “Ho rivisto in lui la rabbia e la determinazione dell’originale ed è per questo che ho deciso di dargli una possibilità”. t

Lo spettacolo, presentato alla presenza del Sindaco Accorinti, è già in calendario presso l’Arena di Verona. “E’ stata solo la caparbietà dell’organizzatore, le sue insistenze che si sono ripetute negli anni che ci hanno convinti a venire nella piazza di Messina e ne siamo orgogliosi”. Gloria Miele (Maria Maddalena), Emiliano Geppetti (Pilato), Paride Acacia (Hannas), Marco Fumarola (Caifa), Salvador Axel Torrisi (Erode), Riccardo Sinisi (Simone/Pietro) e, nel ruolo di Giuda, Feysal Bonciani, sono questi i nomi dei protagonisti che a vedremo ed ascolteremo a Messina. Ed anche se a Messina non ci saranno i Negrita che hanno avuto un meritato successo a Roma, sul palco della Fiera ci sarà l’Orchestra dal vivo di 12 elementi diretta dal Maestro Emanuele Friello, l’ensemble di 24 tra acrobati, trampolieri, mangiafuoco e ballerini coreografati da Roberto Croce, le scenografie sono di Giancarlo Muselli, elaborate da Teresa Caruso, con i costumi di Cecilia Betona.

Siamo rimasti colpiti dalla presenza “nascosta” di giovanissimi “attori” che pur non facendo parte della compagnia di Massimo Piparo hanno fatto comprendere ai più  che li hanno notati come non si trattasse di uno spettacolo Vintage riproposto. Li abbiamo, infatti, lasciati mentre si domandavano se dovessero entrare o meno nella sala Ovale del Comune di Messina dove si teneva l’affollata conferenza stampa.

Una particolare attenzione è stata rivolta a Ted Neeley. Quel famoso Dio biondo che nel 1973 diventò un caso mediatico nella sua perenne “lotta” d’immagine con Giuda, Carl Anderson, che guidato da Norman Jewison spezzò non pochi cuori. “ Si chiude un ciclo, conclude Piparo, nel 2004 portavo in giro lo spettacolo con Giuda nei panni di  Carl Anderson ed oggi, nel 2014 con Gesù nei panni di Ted Neeley”.    

Ma come anticipavamo, Massimo Piparo sarà in Sicilia anche per un altro evento. Riceverà il Premio Troisi nell’evento eoliano, dal 31 luglio al 5 agosto dove in occasione del MareFestival Salina gli sarà reso omaggio, nella terza giornata festivaliera (sabato 2 agosto), celebrando i 20 anni del musical “Jesus Christ Superstar

Piparo regista, autore e produttore teatrale, oggi direttore artistico del teatro Sistina di Roma,  rappresenta una delle figure di spicco del teatro italiano, capace di coniugare la grande passione per la musica con la costante ricerca verso nuove sperimentazioni artistiche: nel ’94 il grande successo con la produzione di uno dei musical più amati di sempre, scritto da Webber e Rice e rappresentato in numerose versioni fino al ’99, vincitore del “Premio speciale Bob Fosse – Targa R. Rascel” (Giuda era Carl Anderson come nel celebre film di Norman Jewison del ’73, Maddalena interpretata da Amii Stewart); nel 2014 al Sistina torna protagonista l’attore e cantante Ted Neeley, il Gesù “originale” del grande schermo. Nella serata dedicata al ventennale della morte di Troisi nella piazza principale del Comune di Santa Marina Salina, cui prenderanno parte Giorgio Pasotti e Jury Chechi, il direttore artistico di MareFestival Massimiliano Cavaleri ripercorrerà la carriera di Piparo e le sue opere più importanti tra cui “Evita”, “La Febbre del Sabato Sera”, “Alta Società”, “Hairspray – grasso è bello”, “Cenerentola”, “Smetti di piangere Penelope!”, “Il Vizietto-La Cage aux Folles”, “The Full Monty”: spettacoli con protagonisti i volti più amati dal pubblico italiano come Ghini, Bocci, Lanfranchi, Romanoff, Iacchetti, Columbro, Ruffini, Fantoni, Muniz, Incontrada, Sermonti e tanti altri.

Intanto si sono conclusi i casting dei concorsi di canto e danza “Da Salina a Sanremo” promossi da MareFestival in partnership con Casa Sanremo al Centro Commerciale Tremestieri: nella semifinale di domenica 27 luglio al Monte di Pietà di Messina si esibiranno 13 nuove voci e 14 ballerini, pronti a interpretare artisti famosi e sfidarsi per accedere alla finale dell’1 agosto a Salina, di fronte alla giuria presieduta da Kledi Kadiu. Per la sezione canto, coordinata da Pierpaolo Ruello, passano il turno: Annalisa Di Stefano (Mina), Claudia Franchina (Leona Lewis), Roberta Cacace (Loredana Bertè), Carolina Cusmano (Noemi), Ramona Parisse (Whitney Houston), Vittoria Sardo (Mina), Giusy Muffari (Anastacia), Giuseppe Chiovaro (Giuliano Sangiorgi), Emanuela Boccafurri (Nancy Sinatra), Valentina Allegra (Adele), Gaetano Venuto (Fabri Fibra), Maria Teresa Parisi (Cugini di Campagna) e Claudio Alessandro (Claudio Baglioni). Per la danza, affidata a Mariangela Bonanno: trio hip hop (Giovanni Bertuccio, Desirèe Trovatello e Alberto Mercurio); duo modern (Smeralda Morabito e Luana Mollura); trio classico (Vittoria Sardo, Carlotta Cupani e Martina Giardina); assolo contemporaneo (Danilo Smedile); duo contemporaneo (Chiara Alessandro e Asia Occello); duo modern (Cinzia Raissa Urzì ed Eleonora Fresta); assolo classico (Nives Ingemi). 

- Pubblicità-

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui