PRESENTATO IL PROGETTO SOS LINGUA: LO STRUMENTO VOLUTO DALL’ANOLF E DALLA CISL PER FACILITARE L’INTERAZIONE TRA IMMIGRATI E ISTITUZIONI

0
339
- Pubblicità-

28 aprile ’10 – Una telefonata per facilitare l’interazione tra immigrati ed enti pubblici, strutture sanitarie, sociali, istituzioni, aziende pubbliche e private. Sos Lingua sarà un supporto operativo per gli immigrati che non parlano correttamente l’italiano, ma anche per le famiglie italiane che devono rapportarsi quotidianamente con stranieri. La presentazione del nuovo progetto voluto fortemente dalla Cisl di Messina e dall’Anolf, l’associazione del sindacato che assiste e tutela gli immigrati, è avvenuta questa mattina presso la sede di viale Europa tra mille colori e tante aspettative.
“Grazie a SOS Lingua – hanno detto Dino Calderone e Nimal Premasiri, co-presidenti di Anolf Messina – e attraverso un numero dedicato per ciascuna lingua sarà possibile facilitare il contatto tra straniero e struttura interessata. L’iniziativa – hanno spiegato – non vuole rappresentare un servizio di traduzione e interpretariato. Il progetto nasce per dare una mano agli stranieri ad interfacciarsi con Enti e Istituzioni attraverso i volontari dell’Anolf, tutti di madrelingua, che effettueranno il servizio in maniera totalmente gratuita”.
I volontari dell’Anolf garantiranno il servizio dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19. “Ci aspettiamo – hanno aggiunto Dino Calderone e Nimal Premasiri – sostegno e collaborazione da tutti. L’iniziativa sarà utile se anche chi si interfaccerà con gli immigrati sa che potrà utilizzare questo servizio”.
Al termine della presentazione, l’Anolf Cisl e le comunità di immigrati coinvolte nel progetto hanno offerto un buffet di degustazione di cibi e prodotti tradizionali, coniugando così la lingua con il gusto, il palato:
anche questo costituisce uno scambio di cultura, scambio di tradizioni nella direzione della integrazione. Anche il cibo può essere veicolo di espressione culturale e depositario delle diverse tradizioni nonché strumento di interculturalità. La cucina come strumento utile per sperimentare e conoscere le tradizioni del mondo, valorizzando sapori e abitudini alimentari di diversi paesi per comprendere e rispettare le diverse identità dei popoli.
Il servizio entrerà in funzione da domani e le lingue attualmente previste sono arabo (Youssef Zham, 377-1689701), cinese (Wu Wuqiao, 377-1689702), cingalese (Ranali Warnaculasolia, 377-1689703), filippino-inglese (Chris Valdez, 377-1689704), rumeno (Cristina Badea, 377-1689705), spagnolo (Marta Restrepo, 377-1689706), ucraino-russo (Ludmilla Povshjk, 377-1689707), wolof-francese (Diop Mandiaye, 377-1689708).

- Pubblicità-

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui