QUANDO IL TALENTO INCONTRA L’OPPORTUNITA’

0
734
- Pubblicità-

Lo scorso 11 Marzo si è svolta presso l’Auditorium di Confindustria  la cerimonia di apertura del Festival delle Carriere Internazionali. Un Festival che ha l’obiettivo di orientare i giovani alle carriere internazionali, promosso da GIOVANI NEL MONDO , un’associazione no-profit nata in Italia per favorire l’incontro tra il talento dei giovani e il mondo delle opportunità internazionali e diretta dalla Dottoressa Daniela Conte. Un’occasione di incontro e networking tra  giovani, istituzioni, società, ONG e organizzazioni internazionali. L’ottava edizione del Festival si è tenuta dal 11 al 14 Marzo 2017 nella splendida cornice della città di Roma, presso l’auditorium della Tecnica di Confindustria e l’Università degli Studi Internazionali di Roma. I partecipanti  all’interno del Festival hanno scelto il percorso più adatto a loro sulla base del proprio background accademico e delle proprie aspirazioni lavorative. Migliaia i giovani partecipanti provenienti da ogni parte del mondo che hanno aderito ad uno dei 4 percorsi: il ROME MODEL UNITED NATIONS , la  simulazione delle Nazioni Unite, il ROME BUSINESS GAME , la simulazione di case studies aziendali, il ROME PRESS GAME , la simulazione di attività giornalistiche, ed infine l’INTERNATIONAL CAREERS COURSE, il corso pratico di orientamento alle carriere internazionali. L’accesso ad uno di questi 4 progetti è a numero chiuso. Il Festival ha però anche una sezione aperta al pubblico che è la Fiera delle Carriere Internazionali, una grandissima area espositiva che è aperta sia ai partecipanti dei 4 progetti che al pubblico. Anche l’Università degli studi di Messina era presente alla Fiera con uno stand attraverso il quale la Dottoressa Vadalà ha mostrato i servizi e i corsi di studio offerti dall’Ateneo messinese. Il Rome Model United Nations, che è la più grande simulazione diplomatica d’Europa, arriva quest’anno alla sua 8a edizione, patrocinato dalle principali istituzioni internazionali. 2000 delegati provenienti da tutto il mondo, 7 comitati, ospiti d’eccezione, un approccio innovativo per favorire un maggiore coinvolgimento dei giovani su argomenti di rilevanza globale. “Empowering Youth Through Dialogue” è il tema guida che ha accompagnato i partecipanti nel dibattito sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite. I partecipanti hanno rappresentato i Paesi Membri riproducendo il dibattito delle commissioni ONU come veri delegati, con l’obiettivo di trovare soluzioni comuni ed efficaci sui temi in agenda attraverso la stipula e l’approvazione di un certo numero di risoluzioni. I delegati possono scegliere quale  Paese rappresentare, in uno dei seguenti Comitati: GENERAL ASSEMBLY – Plenary Session; UNHCR – United Nations High Commissioner for Refugees; FAO – Food and Agriculture Organization; SC – Security Council;  ECOSOC – Economic and Social Council;  UNESCO – United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization; UNEP – United Nations Environment Programme.

Tra i seminari più seguiti quello dedicato al programma Erasmus Placement condotto dal professore Dario Caroniti , Presidente del COP- Centro Orientamento e Placement , nel corso del quale sono state presentate le attività svolte nell’ultimo anno dall’Università di Messina.  “Un evento molto partecipato, pieno di ragazzi motivati. Ottima opportunità per loro di conoscere quali sono le politiche che favoriscono gli scambi culturali acquisendo le qualità nel curriculum grazie a cui  possono inserirsi nel mondo del lavoro.” Queste le parole del Professore Dario Caroniti , che ha sottolineato  come attraverso il confronto tra ragazzi provenienti da diverse parti del mondo avviene la conoscenza e anche la crescita.  L’importanza della sua presenza in un contesto così internazionale è notevole. Infatti fa conoscere l’Università di Messina e fa vedere quali sono le politiche attive in questo campo, ma anche nel campo specifico del Professore Caroniti, cioè quello dell’inserimento del mondo lavorativo. Per quanto riguarda il campo delle Carriere Internazionali sono numerosi i progetti messi in campo che riguardano una formazione che si svolge sia in Ateneo che in Aziende internazionali e che consentono alla fine del corso di studio di non partire da zero ma di avere già un curriculum che possa consentire di rapportarsi utilmente con le aziende. Il consiglio che il Professore può dare ai ragazzi è duplice: “quello primario è di studiare quello che veramente piace e di non farsi condizionare troppo dall’obiettivo finale che viene assolutamente dopo l’essersi laureato . Poi il secondo consiglio è quello di utilizzare tutte le opportunità che ci danno le Università, le istituzioni Europee e quindi durante il percorso di studi riuscire ad acquisire sia esperienze internazionali grazie anche al volontariato, ai progetti delle altre università, all’Erasmus plus, cioè riuscire ad utilizzarne il più possibile per non dividere  la propria esistenza in un momento formativo ed uno lavorativo.”  Nei mesi precedenti l’Associazione GnM in preparazione all’evento conclusivo del Festival di Marzo a Roma ha organizzato un tour delle Carriere Internazionali. Alla buona riuscita della tappa di Messina hanno contribuito gli studenti delle varie facoltà diretti dalla Dottoressa Debora Buda, coordinatrice regionale per la Sicilia dell’Associazione Giovani nel Mondo. Tanti gli studenti universitari che si sono impegnati con l’aiuto della coordinatrice a promuovere i progetti del Festival nelle varie facoltà. Tra questi hanno svolto un ottimo lavoro: al Dipartimento di Giurisprudenza Mariacaterina Parisi,  al Dipartimento di Economia Elisabetta Puglisi e Davide Lo Presti, al Dipartimento di Civiltà antiche e moderne Andrea Carbone, Emilia Mazzullo e Valeria Sgarano.  Sono 88 gli studenti provenienti non soltanto dall’Università di Messina ma da tutta la Sicilia che hanno vissuto questa esperienza internazionale. Esperienza che li ha arricchiti sia dal punto di vista professionale che umano. Infatti non soltanto hanno arricchito il loro bagaglio culturale mettendosi in gioco e confrontandosi con altre culture ma hanno instaurato dei veri rapporti di amicizia. Infine, i vincitori dei vari progetti si sono aggiudicati stage e borse di studio.

Emilia Mazzullo

- Pubblicità-
Articolo precedenteAdolescenti , prevenzione dal papilloma virus
Articolo successivoGuerra di libri: biblioteche in cabina a Messina
Nata nel 1992 a Messina, residente a Roccafiorita, il più piccolo Comune del mezzogiorno, che definisco un vero "gioiello". Diplomata a pieni voti presso il Liceo Classico E. Trimarchi di S. Teresa di Riva. Laureanda in Lettere Classiche con una grande passione per la traduzione di autori Classici e per la Letteratura Greca e Latina. Solare,testarda,socievole,poliedrica,sognatrice e molto determinata, lotto con impegno per raggiungere un obiettivo. La mia vita poggia su principi e valori che molto spesso vengono calpestati in una società in cui sembra che non abbiano più peso il senso del dovere e della responsabilità. Appassionata di Teatro, Letteratura,poesia, musica, arte,storia,fotografia,cinema,moda. Amo leggere e scrivere in qualsiasi momento perché è proprio grazie ad un semplice pezzo di carte e una penna che nascono i più grandi capolavori.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui