Torino. Corteo razzista dà fuoco a campo Rom gridando a uno stupro inesistente

0
464
- Pubblicità-

Torino, 10 dicembre 2011. Viviamo nell’era delle tecnologie digitali e della comunicazione globale, ma non ci siamo discostati dalla mentalità medievale della “caccia alle streghe”. Una ragazza di 16 anni di Torino ha denunciato ai carabinieri di aver subito uno stupro la sera di mercoledì. La giovane ha riferito alle autorità  di essere stata avvicinata da due Rom che l’avrebbero costretta a entrare in un portone nel quartiere Vallette dove uno dei due l’avrebbe violentata. Sull’onda dello sdegno, decine di cittadini torinesi hanno organizzato una fiaccolata in sostegno della ragazza, manifestazione che si è presto trasformata in un corteo razzista. Dalle parole di cieca intolleranza i manifestanti sono passati presto ai fatti, si sono recati presso l’insediamento Rom che si trova vicino alla cascina di Continassa e hanno dato fuoco alle baracche, alle auto e alle e roulotte, dopo averle danneggiate a colpi di spranga. Il corteo intollerante ha impedito a lungo ai vigili del fuoco di spegnere le fiamme, poi si è allontanato. Stasera, però, la giovane ha confessato di essersi inventata lo stupro. Auguriamoci che le autorità abbiano identificato e denunciato i violenti, anche se, a quanto riferisce la stampa, tale provvedimento non risulta essere stato attuato.

Il pogrom anti Rom di Torino di fronte all’Unione europea

Roma, 11 dicembre 2011. Il Gruppo EveryOne ha denunciato alle istituzioni dell’Unione europea l’episodio di Torino, dove una folla, incitata dalla solita calunnia razzista del “Rom stupratore”, ha dato alle fiamme le baracche, le tende e le roulotte di un insediamento Rom. Ha già risposto il parlamentare europeo, eletto per l’Ungheria, Surján László, che riferirà del pogrom torinese all’assemblea dell’Ue. I Rom di Torino sono nelle stesse condizioni di emarginazione e abbandono in cui si trovano tante altre comunità Rom nel resto d’Italia, con mancanza di progetti utili, associazioni che prolificano e cercano di fagocitare fondi (fondi che poi non esercitano alcun beneficio reale verso le famiglie Rom, che continuano a sopravvivere in baracche, senza alcun sostegno sociale), diffusione di una cultura intollerante. E’ necessario cambiare strada, non solo combattendo l’intolleranza, ma anche facendo in modo che alle tante parole spese a favore del concetto di “integrazione” seguano anche fatti concreti. Torino, come Milano, Roma, Bologna, Firenze, Napoli e tante altre città, deve ripensare ogni approccio a politiche e azioni a tutela dei Rom e dei Sinti, effettuando prima di tutto un’autoanalisi. Servono progetti veri di efficacia misurabile, con un calendario dei piani di sostegno e un monitoraggio degli stessi da parte di organismi al di sopra di ogni sospetto. Ogni volta che ne scriviamo o mettiamo in discussione dati e risultati nelle diverse città, Torino compresa, noi di EveryOne riceviamo attacchi, critiche, inviti (in tono perentorio) a non interessarci al lavoro delle amministrazioni e delle associazioni. Siamo dispiaciuti del “fastidio” che provochiamo in tanti operatori sociali, ma se davvero vi sono buona fede e intenti trasparenti, perché mai del tanto denaro destinato a progetti di inclusione e supporto alle famiglie Rom non si nota traccia nelle condizioni di vita di tali famiglie, la cui difficile esistenza si svolge oggi come cinque, dieci, cinquanta anni fa in luoghi malsani e inospitali, all’interno di baracche costruite dagli stessi Rom con materiali di recupero, senza servizi, senza prospettive, senza speranze?

 

“…non vogliamo fare politica né conquistare simpatie da parte della stampa o dei potenti. Vogliamo salvare vite umane e tutelare i deboli dalla persecuzione”. Gruppo EveryOne


- Pubblicità-

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui