Tutti nel palazzo rubavano l’elettricita’

I Carabinieri della Stazione di Librino, coadiuvati dai tecnici dell’Enel, hanno sottoposto a controllo un intero edificio di Viale Bummacaro nel quartiere Librino. I primi a cadere nella rete dei militari dell’Arma sono stati due detenuti catanesi agli arresti domiciliari, cl.1983 e cl. 1968, i quali, illecitamente, avevano collegato i propri contatori alla rete elettrica pubblica. I due, posti in stato di arresto, attenderanno il giudizio per direttissima sempre ai domiciliari.

Nell’ispezionare il locale cantinato, dov’erano collocati i misuratori elettrici al servizio delle singole abitazioni dello stabile,  gli operanti si sono accorti che ben altre 24 famiglie usufruivano gratuitamente dell’energia elettrica sottratta alla pubblica illuminazione. Per gli intestatari dei contratti è scattata la denuncia all’A.G. per furto aggravato. I tecnici dell’ente erogante, dopo alcune ore di lavoro, sono riusciti a ristabilire i contatti originari dei contatori elettrici.    

Check Also

Messina ha ancora un Consiglio comunale

La nostra intervista al Presidente del Consiglio comunale dimostra che la nostra città ha ancora …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *