Uccelli costretti in gabbie da tortura

0
538
- Pubblicità-

 

Quaglie, pernici e fagiani. 900 esemplari stipati dentro un furgone diretto a Palermo. Gli Agenti del Distaccamento della Polizia Stradale di Barcellona P.G. hanno individuato e fermato il mezzo ieri, in località Bazia di Furnari nel corso di specifici servizi autostradali predisposti dal Compartimento di Catania e dalla Sezione di Messina.

Dagli accertamenti effettuati sul mezzo i poliziotti hanno evidenziato che il furgone era privo delle caratteristiche funzionali necessarie per il quel tipo di attività. Erano state infatti apportate alcune modifiche “artigianali”, mai sottoposte alle necessarie verifiche tecniche della Motorizzazione. Inoltre, gli animali venivano trasportati senza che il proprietario avesse al seguito le prescritte autorizzazioni e le relative dichiarazioni di provenienza. Il conducente li avrebbe acquistati in Calabria per poi trasferirli sino a Palermo dove sarebbero stati posti in vendita.

I medici veterinari del Servizio Veterinario del Distretto di Barcellona P.G., subito allertati, hanno controllato gli animali riscontrandone le buone condizioni e l’assenza di malattie. Gli animali sono stati comunque sottoposti a vincolo sanitario che prevede l’obbligo per il conducente a recarsi immediatamente presso il Distretto Veterinario di Palermo, nel contempo avvisato, per ulteriori accertamenti e successivi controlli sugli stessi.

Gli Agenti del Distaccamento di Barcellona P.G., a seguito di quanto emerso, procedevano al ritiro della carta di circolazione del mezzo, sospendendolo dalla circolazione, ed elevando, per le infrazioni accertate, sanzioni amministrative per oltre 2.000 euro.

- Pubblicità-
Articolo precedentePartita a Risiko in Catalogna
Articolo successivoIngroia su Genovese, Cuffaro e i loro discendenti.
Responsabile di Redazione - Palermo Nata a Palermo nel 1992, ha frequentato l’Istituto Salesiano Don Bosco Ranchibile, dove ha conseguito il Diploma di Scuola Superiore; la sua passione per l’arte e per la letteratura l’ha spinta ad intraprendere studi di matrice umanistica. Laureanda in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Palermo, si è impegnata attivamente, penna alla mano, nella valorizzazione degli anfratti più nascosti ed incantevoli di una Palermo tutta da scoprire. Da sempre affascinata dal mondo della carta stampata, Giorgia ha preso parte ad iniziative volte a garantire il rispetto dell’universo femminile ed a favorire una maggiore partecipazione della donna alla vita politica e sociale. Idealista e determinata, intende contribuire con ogni mezzo al miglioramento delle condizioni della sua amata città, affinché possa essere restituita al suo antico ed eterno splendore.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui