Una botta e via….. meno dignità per una città allo sbando

4
375
- Pubblicità-

Sono solo le 20.30, i negozi hanno da poco abbassato le saracinesche e la città piomba nel buio e il deserto degli sguardi, l’assenza  degli abituali frequentatori dei luoghi autorizza chi, figlio di pensieri ignoranti e meschini, a mettere a segno i suoi progetti squallidi e delinquenziali.

Siamo a largo Gaetano Martino, un breve slargo che celebra uno dei nostri concittadini  illustri, colui che da ministro degli esteri pone la nostra città al centro di un progetto che vede celebrare proprio a Messina la nascita della comunità europea, già la nostra città, la stessa che da sempre è stata fonte di sviluppo culturale, sociale e politico.

In questa terra  si sono evoluti grandi personaggi della storia e al contempo grandi stupidi hanno calcato lo stesso  suolo e questa sera uno di questi imbecilli ha dato piena dimostrazione della sua esistenza tagliando un albero di agrumi ornamentale, proprio lì sotto gli occhi increduli di Gaetano Martino.

L’albero in oggetto mostra chiaramente i segni della violenza, il tronco appariva infatti segato e la parte sommitale giace tristemente a terra carico dei suoi frutti,agrumi, simbolo della nostra terra unitamente all’idea che la nostra città possa mai avere un futuro diverso, fatto magari di gente orgogliosa di appartenere ad una bella città, accogliente e desiderosa di crescere nella legalità e nel lavoro.

L’unica  domanda che mi pongo è : cui porodest? A chi è servito questo gesto di ulteriore violenza ? A questo ovviamente non ci è dato comprendere, certo è che le attività commerciali che prima venivano nascoste dalla sempreverde chioma e dagli aurei frutti, ritrovano adesso respiro e visibilità

- Pubblicità-

4 Commenti

  1. una grande pena per quest’albero e la nostra piagatacittà…ma più grande pena per il o i responsabili di questo scempio,perchè talmente misera la loro esistenza,che hanno sentito l’irresistibile bisogno di togliere la vita a quel meraviglioso albero.probabilmente è così che si sentono esseri senza vita!

  2. una grande pena per quest’albero e la nostra piagatacittà…ma più grande pena per il o i responsabili di questo scempio,perchè talmente misera la loro esistenza,che hanno sentito l’irresistibile bisogno di togliere la vita a quel meraviglioso albero.probabilmente è così che si sentono esseri senza vita!

  3. beh io ho pensato che UNO di quegli EROI sul tetto dell’università ha voluto dare ragione a quella poco elegante dichiarazione del figlio di Martino sui ricercatori….. magari sbaglio !!!!

  4. beh io ho pensato che UNO di quegli EROI sul tetto dell’università ha voluto dare ragione a quella poco elegante dichiarazione del figlio di Martino sui ricercatori….. magari sbaglio !!!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui