“Verso la felicità”: Arriva il corso che tutti dovrebbero fare. Da poco anche on line

0
536
- Pubblicità-

“Meno male che c’è Carla Bruni che problema non c’è” avrebbe detto Cristicchi per spiegare il concetto di leggerezza degli Italiani. Come dire “L’importante è non sentire cattive notizie al telegiornale ma solo storie d’amore tra Lady e capi di Stato” per essere sereni. Un concetto da festival di Sanremo che rivela un po’ la verità. Qualcuno disse che bastano “due cuori e una capanna” per essere felici. Qualcun altro disse “I soldi non fanno la felicità”.

Qualcuno si accontenta di poco per provare ad esserlo in questa vita. Qualcun altro è alla continua ricerca della felicità e resterà sempre insoddisfatto. Il fatto certo è che la felicità è un tema ricorrente dalla notte dei tempi. Filosofi e pensatori le hanno dedicato lunghe dissertazioni, scrittori e poeti intere opere, attori e comici l’hanno citata almeno una volta nella finzione scenica o raccontando del loro privato. “La vera felicità – afferma Seneca – è non aver bisogno di felicità”. Marilyn Monroe diceva “I diamanti sono i migliori amici delle donne …” quindi ritorna il concetto “basta circondarsi di ricchezze per essere felici”. Di contro, sappiamo anche che la grande diva ha fatto una tragica fine in giovane età. “La felicità non esiste – commentava l’istrionico Jerry Lewis. Di conseguenza, non ci resta che provare ad essere felici senza”. Nessuno può dare una ricetta “universale” per conquistarla … Adesso però arriva un corso che sicuramente aiuta a trovarla dentro di noi.

“Verso la felicità” è il titolo o meglio la motivazione per cimentarsi in questo corso organizzato dal 5 al 7 marzo, presso la sede dei Padri Comboniani in via Emilia n.19. A promuovere e svolgere questa tre giorni di riflessione è il gruppo dei Giovani di “Goccia dopo Goccia” che operano in collaborazione con le Missionarie Secolari Comboniane di Lucca. L’iniziativa è rivolta ai ragazzi di età compresa tra i 18 e 28 anni e consente di realizzare un percorso meditativo NON IN SOLITUDINE MA INSIEME AD ALTRI GIOVANI. Tre giorni per parlare di felicità, tre giorni per capire il proprio posto nel mondo, tre giorni per conoscere come realizzare la felicità altrui, tre giorni per riflettere a 360 gradi sulla felicità (almeno una volta nella vita ti sarei chiesto come si fa a raggiungerla e, soprattutto, a non perderla). Il target indicato non è troppo restrittivo, è tipico di quella generazione che si trova davanti a un bivio o addirittura a una serie di scelte di vita da affrontare che hanno bisogno di calma e punti fermi. L’ora X per calarsi in questo distacco totale dal mondo scatta alle 8:00 del 5 marzo e si conclude alle 18:00 del 7 marzo. La “full immersion” prevede momenti di catechesi sul tema delle felicità, momenti di riflessione personale e di gruppo, incontri con testimoni di felicità.

Le adesioni al corso vengono raccolte attraverso il passaparola tra amici, parenti ecc… e poi utilizzando i mezzi di informazione comuni, facendo incontri nei gruppi, tramite la pastorale giovanile e agenzie di stampa cattoliche. Attualmente, a Messina, raggiunta una decina di iscrizioni. Per chi volesse partecipare ha ancora tempo di farlo fino al prossimo 2 marzo: mancano dunque pochi giorni alla chiusura delle adesioni per il Corso Felicità…”Forza, cerchiamo di avvicinare quanta più gente possibile – incitano i giovani di Goccia dopo Goccia –  anche chi proprio non immagineremmo mai…”.
 La  condivisione di pensieri, dubbi e domande rappresenta un momento di crescita.
“Da stasera – continua il gruppo – siamo presenti sul sito della pastorale giovanile che ci ha dedicato proprio una pagina come gruppo … prima pagina attiva in assoluto …”. Qui di seguito il link da visionare:

http://www.pgmessina.it/Pastorale_Giovanile_Messina/Goccia_dopo_Goccia.html
 
Novità assoluta dallo scorso 21 gennaio, è partita la prima esperienza online del corso “Verso la Felicità”. Un corso di formazione cristiana per giovani proposto stavolta dal centro “Senza Frontiere” di Messina e coordinato dalla responsabile Lucy Fenech. Ad ispirare l’idea di questo corso è sempre l’esperienza che, per tanti anni, si è sviluppata in maniera residenziale. “Sfruttare le potenzialità del web per condividere valori ed ideali alti con più giovani possibili ci sembra oggi una sfida importante!”. A dirlo è proprio la referente Fenech. Il portale sentieridisperanza.org ed i corsi online che, attraverso di esso, vogliamo portare avanti, nasce da due partner: il centro di mondialità “Senza Frontiere” di Messina e l’istituto Secolare Missionarie Comboniane”.
La modalità di formazione online permette di raggiungere le persone nella loro realtà consentendo loro una gestione del tempo più libera, sebbene l’esperienza è strutturata per essere molto intensa ed impegnativa.
Il corso si sta svolgendo attraverso 8 appuntamenti in 6 settimane con un tutor a disposizione a partire dall’11 gennaio 2010.

I temi proposti: Una vita ad alta quota – Il segreto della felicità – La creazione, segno dell’amore di Dio per l’umanità – L’incontro che cambia la vita – ‘Nessuno ha il diritto di essere felice da solo’ – Progetto d’amore, progetto ‘felicità’ – Una vita piena: in due sulla strada dell’amore – La gioia di decidersi per Lui.

Le linee guida dei corsi descritti sono simili soltanto che il gruppo “Goccia dopo Goccia” ha un approccio più tradizionale nei confronti del messaggio vocazionale da lanciare mentre il centro “Senza Frontiere” punta ad orientare i giovani affacciandosi alla tecnologia con spirito cristiano. 
Ormai, entrambi i movimenti giovanili stanno allargando i loro orizzonti alla rete internet attraverso i noti social network e alla ricerca di nuovi adepti attraverso la divulgazione di tematiche sociali anche via web.

L’idea del corso giunge da Padre Natale Basso, missionario comboniano che arrivò nella città dello Stretto molti anni fa, dopo trenta anni di esperienze tra i veri poveri del terzo mondo mettendole poi al servizio dei giovani. Padre Natale è un personaggio estremamente carismatico e, due anni fa, è ritornato nei Paesi che hanno bisogno di lui lasciando un bagaglio inestimabile di racconti ed insegnamenti di vita. Di corsi della felicità, il missionario ne aveva organizzati tanti in luoghi di estrema miseria come Ecuador, Perù e Colombia ma anche a Messina ne sono stati fatti molteplici dal 1997 ad oggi. Ci sono stati altri esempi di corsi in passato, anche in altre parti di Italia. A giugno, ne partirà uno anche a Locri. Questo corso funziona brillantemente in America Latina. Ad Aprile, in Ecuador dal 19 al 30 se ne faranno tre che vedranno una trentina di partecipanti ciascuno.

Vi riportiamo la testimonianza della referente del gruppo “Goccia dopo Goccia”, Annalisa Giacobbe che ha vissuto diversi anni fa, per la prima volta, il corso della Felicità:
“Ricordo come fosse oggi il susseguirsi di eventi che mi hanno spinta fin lì: un litigio con il mio ragazzo, una messa particolarmente bella con un sacerdote straordinario, la decisione di andarci a parlare per capire bene cosa fare del mio fidanzamento, ricevere quel magico volantino datomi con un sorriso smagliante tipico di un padre amorevole … Arrivata lì ho trovato altri giovani come me, cosa che mi sorprese moltissimo, giovani, che si portavano dentro esattamente le stesse domande, che non si sono risparmiati a fare come una mitragliatrice, domande che però finalmente trovavano una risposta definitiva, senza sentimentalismi o misticismi inutili ma il tutto con una logica e razionalità stringatissimi.

Poi ci venne rivolta questa domanda: “voi come vorreste essere amati?” Per me era una domanda chiarissima, una domanda che mi ero sempre fatta ogni volta che l’amore umano mi deludeva e mi rendeva infelice, risposta: “come se fossi l’unica al mondo”! Benissimo, è così che ci ama Dio, come se fossi l’unico al mondo, e del resto lo sono realmente, unico, insostituibile, irripetibile …”.

Don Tonino Bello dichiarava: “Voi cambierete il mondo e non lo lascerete cambiare agli altri. Appassionatevi alla vita perché è dolcissima. Mordete la vita. Non accantonate i vostri giorni, le vostre ore, le vostre tristezze con quegli affidi malinconici ai diari. Non coltivate pensieri di afflizione, di chiusura, di precauzioni. Mandate indietro la tentazione di sentirvi incompresi. Non chiudetevi in voi stessi, ma sprizzate gioia da tutti i pori. Bruciate… perché quando sarete grandi potrete scaldarvi ai carboni divampati nella vostra giovinezza.

Incendiate… non immalinconitevi. Perché se voi non avete fiducia, gli adulti che vi vedono saranno più infelici di voi. Coltivate le amicizie, incontrate la gente. Voi crescete quanto più numerosi sono gli incontri con la gente, quante più sono le persone a cui stringete la mano.”.

Non sono necessari metodi o strumenti illeciti per afferrare la felicità perché “è un bene vicinissimo – ricorda Seneca – alla portata di tutti, basta fermarsi e raccoglierla”.          

Per informazioni e adesioni al Corso “Verso la Felicità” del gruppo “Goccia dopo Goccia”:

328.9179487;  349.873594

Per informazioni sul Centro “Senza Frontiere” consultare il portale:  sentieridisperanza.org

 

- Pubblicità-

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui